10 febbraio 2009 - Come se non bastassero gli aiuti pubblici calati a pioggia prevalentemente sui formggi industriali padani, ecco che i “nostri dipendenti”, come li chiamerebbe Beppe Grillo, si adoperano a spada tratta per sostenere un altro pezzo dell’economia del nord in grave sofferenza, quella del burro. Che tanto per dirne una, si alimenta fortemente dalle lavorazioni di Parmigiano-Reggiano e Grana Padano.

Secondo Maurizio Fugatti, capogruppo della Lega Nord in Commissione Finanze, è giunto il momento di sostituire il burro francese che imperversa da tempo immemorabile a Montecitorio con del “buon” burro italiano.

A sostenere l’iniziativa, si è aggiunta al coro anche la voce del parmigiano Fabio Raineri, anch'esso leghista - e segretario della Commissione Agricoltura - che si è detto pronto a battersi per sostenere allo stesso modo tutto il made in Italy possibile, andando via via a rimpiazzare i non pochi prodotti tipici stranieri presenti alla buvette della Camera dei Deputati.

formaggio, formaggi, latte, caglio, pecorino, parmigiano reggiano, parmigiano-reggiano, grana padano, provolone valpadana, provolone, gorgonzola, mucca, mucche, capra, capre, pecora, pecore, ovini, caprini, bocconcini, bufale, bufala, mozzarella, mozzarella di bufala, burro, fieno, pascolo, ricotta, caseificio, caseifici, gregge, greggi, vacca, vacche