L’afa estiva aggrava la vita degli animali in stalla
25 giugno 2009 - Ancora una volta, come da qualche anno a questa parte, l’arrivo dell’estate porta un pensiero in più per gli allevatori di bestiame. I recenti studi condotti da Cnr-Ibimet hanno confermato in maniera inequivocabile che le sempre più frequenti e forti ondate di calore nella stagione estiva arrechino importanti ripercussioni sulla salute degli animali. Per capire le dimensioni globali del fenomeno è sufficiente pensare che nel 2008 le aziende zootecniche degli Stati Uniti hanno perduto oltre 2 miliardi di dollari.

Le già poco propizie condizioni di vita degli allevamenti intensivi, che producono sulle bestie gravi stati di stress anche a temperature e umidità ottimali, tendono ad aggravarsi ulteriormente e a comportare conseguenze negative sulla riproduzione, sulla produzione di latte e sulla salute degli animali.

Negli ultimi anni, il 2003 è stato quello che più di altri ha fatto scattare l’allarme, portando mondo allevatoriale e ricercatori ad analizzare le conseguenze dei fenomeni meteo più estremi e  studiare i rimedi più opportuni per contrastarli.

Il recente studio Climanimal di Cnr-Ibimet ha permesso così d’individuare quali sono, sul territorio italiano, le zone in cui le condizioni termo-igrometriche possono essere rischiose per gli animali da latte e in particolare per le mucche. Per operare la ricerca, il territorio italiano è stato suddiviso in aree con omogenee caratteristiche bioclimatiche. Per ciascuna area è stato calcolato il numero di giorni in cui l'indice di disagio nelle estati comprese tra il 1971 e il 2006 hanno superato i valori di soglia, e in base a questo sono state calcolate la frequenza e la durata delle ondate di calore occorse anno per anno in ciascuna area.

Per le zone appartenenti alle classi di maggior rischio (vi è inclusa la Pianura Padana), il numero di giorni più critici è risultato tanto elevato da far prevedere che nei prossimi anni la zootecnia intensiva potrebbe tendere a scomparire, mentre le zone appartenenti a classi di minor rischio potranno guardare serenamente al futuro almeno sin quando il numero di giorni a rischio rimarrà come ora basso o molto basso.

Il progressivo aumento nel tempo del numero di giorni a rischio per anno induce quindi a cercare delle contromisure adeguate, che non saranno indolori per un settore già provato dall’aumento dei costi di gestione e dalla sempre più bassa remunerazione del prezzo del latte. Tra queste, la ventilazione ad aria forzata delle stalle, un’adeguata disponibilità di acqua, e mangimi specifici e adeguati a sostenere lo stress termico.

Come al solito, andrà meglio agli animali appartenenti alla zootecnia non intensiva, che possono pascolare liberamente, praticare alpeggi e transumanze. E aggiungere un fattore in più - in tema di benessere animale - nella loro indiscutibile supremazia sui loro simili appartenenti alla zootecnia intensiva.

Commenti (4)Add Comment
...
scritto da Grizzly_78, giugno 27, 2009
E che centra il caldo con le multe?
...
scritto da Nando Bonera, giugno 26, 2009
A me colpisce pensare che la Pianura Padana chiuderà tutte le stalle e mi pare più facile che certa gente arriverà a mettere l'aria condizionata in stalla! ;-)
...
scritto da Ale Bonzi, giugno 25, 2009
Ma che dici Martina? Come si fa a sapere che in quella stalla maltrattano e in quell'altra no? Io dico che dovrebbero riformare le leggi, applicare quella ce c'è, inasprire le multe.
...
scritto da Martina_MI_69, giugno 25, 2009
Io dico solo che bisognerebbe boicottare le aziende che maltrattano gli animali

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy