Resistenza Casearia

Il Bitto giusto è questo qua? Sì, anzi no: è quello là
A volte viene da pensare che l’Italia sia il Paese dei voltafaccia, e dei voltagabbana. Ce lo hanno insegnato certi politici, col loro saltare senza colpo ferire da un capo all’altro dello schieramento, e come se credibilità, serietà e coerenza fossero accessori di secondaria importanza
Leggi tutto...
 
Gli uomini di Zaia all’attacco del Bitto storico
Saranno trent’anni, occhio e croce, che il termine “repressione di Stato” non viene usato, e oltre cinquanta bisogna risalirne per trovare il polso duro governativo in ambito agricolo, ai tempi delle proteste contro il latifondismo. I tempi cambiano, i metodi sono ora meno cruenti , ma tant’è che i caricatori d’alpe del Bitto storico, depositari di una tradizione millenaria e di una cultura autentiche, non potranno più chiamare il Loro Formaggio col Proprio Nome: Bitto
Leggi tutto...
 
Crisi: la Fontina tenta la strada della caseificazione unica
A pochi giorni dal concorso “Fontina d’Alpage”, massimo momento di promozione del primo formaggio valdostano in termini di vendite e notorietà, è arrivata la doccia gelata: Gerardo Beneyton, presidente del Centro internazionale per la ricerca e la valorizzazione dei prodotti di montagna “Caseus Montanus” ha esternato le sue preoccupazioni sulla crisi che sta attanagliando anche il mondo della Fontina, e lo ha fatto in maniera eclatante
Leggi tutto...
 
Il piccolo Toumin guarda al buon Bitto e va verso la Dop
Una volta, entrare nel mondo delle Dop era un obiettivo ambìto e non per tutti. Se andiamo però a vedere in che acque navigano una parte delle Dop piemontesi, spesso svendute a pochi euro all’ingrosso dopo l’ingresso di caseifici arrembanti nel “business del bollino” , allora c’è poco da fregarsi le mani
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 Succ. > Fine >>

Pagina 141 di 156