Resistenza Casearia

Formazione: nel torinese due giorni di stage sui cani antilupo

Non importa tanto la razza del cane da guardiania né se se siano meticci o meno. Ciò che più conta sono l'attitudine alla difesa e l'addestramentoSi fa un gran parlare di predazioni di animali da reddito, da qualche anno a questa parte, da prospettive sempre più radicali e inconciliabili, senza che si intraveda la benché minima propensione a condividere qualche strategia comune, né concordata dalla parti in gioco né tantomeno scelta dalla politica. A causa di lupi, cani inselvatichiti e orsi, chi vive producendo latte, carne e i loro derivati in regime di zootecnia estensiva, continua a registrare perdite sempre più consistenti, e vive in una condizione di vita sempre più dura.

Leggi tutto...
 
Grandi predatori: incostituzionale il decreto trentino pro-abbattimento?

   L’iter legislativo del decreto legge 230, sulla gestione autonoma dei grandi carnivori, procede senza inciampi in Provincia di Trento, dopo aver incassato il via libera della terza commissione, che mercoledì scorso ha dato la sua approvazione, senza che venisse presentato alcun emendamento: unici astenuti i consiglieri del Partito Democratico, che attraverso Lucia Maestri ha presentato il dubbio riguardante la costituzionalità del medesimo.

 

Leggi tutto...
 
Open Day dei Caseifici Agricoli: la svolta della consapevolezza

foto Pixabay©Il mondo del formaggio ha in sé tante e tali complessità e variabili da essere oggettivamente il più ricco e affascinante segmento di cui l’agroalimentare si componga. Di questo i suoi stessi artefici sembrano ancora poco coscienti, nonostante tutto, purtroppo. Ma un segnale di cambiamento pare giungere, finalmente, attraverso l’iniziativa “Caseifici Agricoli Open Day”, fortemente voluto dalla nuova gestione dell'associazione delle Casare e dei Casari di Azienda Agricola.

 

Leggi tutto...
 
Il consiglio trentino prepara l’assemblea sui predatori

foto Pixabay©Il nostro articolo “Lupo: palliativi in Veneto, abbattimenti in Trentino Alto Adige”, pubblicato la scorsa settimana, ha indotto alcuni lettori a chiedere notizia circa l’ipotesi di riduzione della presenza del predatore nella regione a statuto speciale, sia ad avanzare dissensi, né velati né amichevoli, che crediamo rappresentino, purtroppo, il comune sentire di molti. Commenti evidentemente fondati su idee preconcette (i “diritti del lupo innanzitutto”), o peggio ancora basati sulla più cieca ignoranza (di fronte alla quale vale solo l’invito a risolverla, prima di parlare, nddr).

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 164