Sardegna: via libera alle domande per gli aiuti ai pastori

Pecore sarde in un pascolo arido, tipico dell'interno della Sardegna - foto piabay©Da oggi, lunedì 16 ottobre, i circa 12mila allevatori di ovicaprini della Sardegna potranno presentare domanda per ottenere gli interventi di sostegno destinati alle aziende del comparto, disposti dall’amministrazione regionale per contrastare il deterioramento delle condizioni di produzione e di mercato del latte per la campagna 2016-2017.

I 45 milioni di euro stanziati dalla Giunta e approvati dal Consiglio regionale, ripartiti in quota di 13euro per ciascun capo presente in azienda al 30 giugno 2017, verranno erogati dietro presentazione di domande, da presentare allo sportello Sut (Sportelli unici territoriali) dell’Agenzia Laore Sardegna presente sul proprio territorio.

Le dichiarazioni dell’assessore Caria - «Come Giunta e come assessorato, con il prezioso contributo delle agenzie agricole regionali e la leale collaborazione del Consiglio regionale, abbiamo mantenuto l’impegno preso con pastori e associazioni di categoria nel venire incontro, a tempo di record, alle numerose criticità che hanno investito il mondo delle campagne a causa della siccità». Lo ha detto l’assessore dell’Agricoltura, Pier Luigi Caria, nel ricordare che «in poco più di 60 giorni si sono trovati altri 30milioni di euro da integrare ai 17 già stanziati dal Consiglio regionale per il comparto ovicaprino, si sono riallocate tali risorse, fatti tutti i passaggi burocratici e le comunicazioni previste dalla normativa fra assessorati, Aula di via Roma e governo nazionale. Sono stati infine trasferiti i fondi ad Argea, che si occuperà dei pagamenti alle imprese, e organizzato i programmi per la gestione delle domande di aiuto».

Dati e documenti necessari - Ai fini dell’accesso agli aiuti, le imprese devono comunicare preventivamente ed esclusivamente tramite Pec (posta elettronica certificata,  all’indirizzo: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) i quantitativi di latte prodotti nelle campagne 2015/2016 e 2016/2017 e conferiti al primo acquirente, ovvero, nel caso di produttori che provvedano direttamente alla trasformazione in azienda, i quantitativi trasformati direttamente.

Alla comunicazione dovranno essere allegate le fatture o i documenti contabili di valore probatorio equivalente. In mancanza di tale comunicazione e delle relative fatture, le imprese saranno escluse dal beneficio.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito di Sardegna agricoltura al seguente link: goo.gl/jhQ6St

16 ottobre 2017
 

Commenti (2)Add Comment
...
scritto da Federico Lai, ottobre 16, 2017
Ci avete dato il nostro e forse anche meno di quel che ci spettava. Di cosa vi vantate?
...
scritto da Michele Onnis, ottobre 16, 2017
Voglio dire era anche ora che sbloccassero i pagamenti. Ecco che si conferma che i soldi ci sono e quando ci facciamo sentire allora velocizzano le pratiche. Per il resto siamo sempre in attesa dei premi degli anni scorsi. Dovremmo sempre essere lì in via Roma per farvi rispettare i nostri diritti?

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy