La Val Gerola festeggia il Bitto eroico della tradizione
16 settembre 2009 - Viaggia verso la sua conclusione il ricco calendario di manifestazioni estive organizzate dalla Pro Loco di Gerola Alta, che da venerdì 18 a domenica 20 settembre organizza la trentesima edizione della Sagra del Bitto, evento clou per i veri appassionati del buon formaggio d’alpeggio . Il tradizionale appuntamento conferma l’intento di promuovere e sostenere il vero Bitto della tradizione (nella foto di Roberto Moiola, © Sysaworld), i cui produttori escludono tanto i mangimi al pascolo quanto i fermenti nella caseificazione, previsti dal consorzio per la produzione del Bitto Dop più comune.

La Sagra del Bitto rappresenta un importante appuntamento per tutti gli alpeggiatori aderenti all’Associazione Bitto Valli del Bitto, che in questo periodo ritornano a valle dopo aver trascorso l’estate sugli alpeggi, dedicandosi, molto spesso in condizioni disagiate, alla preparazione di un prodotto realizzato ancor oggi secondo antiche regole, tramandate da casaro in casaro, nel corso della storia (sembra addirittura che la produzione del formaggio Bitto risalga all’epoca dei Celti, come lo testimonierebbe, secondo alcuni storici, il nome “Bitto”, la cui radice etimologica sarebbe riconducibile al celtico “Bitu”, ossia perenne).

Nello stesso tempo la manifestazione rappresenta un classico appuntamento per gli amanti della montagna e per i buongustai che per l’occasione possono degustare il formaggio prodotto su ogni alpeggio della Val Gerola, apprezzando tanto le differenze dovute alle variabili della biodiversità (erbe del pascolo, esposizione, periodo di caseificazione, “mano del casaro”, percentuale di latte caprino, etc.) quanto il piacere di una buona e tradizionale polenta taragna.

Per l’occasione, nel giorno della festa e nei giorni che la precedono verranno organizzate mostre e iniziative di vario genere, attraverso le quali volontari e simpatizzanti sapranno dare il meglio di sè sempre più partecipi della valorizzazione di un piccolo e autentico paese e di una vallata ricca di tradizione, storia e bellezze naturali.

Di notevole interesse durante la Sagra del Bitto sarà l’esibizione del Gruppo Folcloristico “I Giaröi” di Gerola Alta, che offrirà una dimostrazione pratica di produzione del formaggio, sin dalla mungitura delle vacche (che durante la manifestazione stanzieranno nei prati attigui al paese)

La manifestazione, che da anni fa registrare una costante crescita d’interesse e di pubblico, da quest’anno propone un’attrazione in più: il Centro del Bitto, con le sue cantine di stagionatura, i locali di degustazione, il clima che vi si respira, è un vero tempio del buon formaggio che i veri amanti del buon formaggio non potranno mancare di visitare.

Notizia pubblicata il 3 settembre 2009 ed aggiornata l'8 settembre 2009

Il programma della manifestazione è scaricabile qui
Commenti (3)Add Comment
...
scritto da Sandro_Belli, settembre 14, 2009
Ne ha parlato anche la Repubblica di ieri: La Sagra del Bitto "a supporto dei produttori d'alpeggio per la difesa della produzione tradizionale". Ma la domanda resta: se uno è a Bra, come fa ad essere a Gerola Alta? Vai e torna non basta una giornata...
...
scritto da matteo gunnella, settembre 05, 2009
Non è che possono stare a spostare una manifestazione solo perché c'è il Cheese. La Sagra del Bitto si tiene da trent'anni a metà settembre. Il Cheese è alla sesta edizione e ha scelto lo spesso periodo. Dopotutto è quando i pastori scendono dalle montagne e ricoverano il formaggio nelle cantine. Tutte le manifestazioni del formaggio più autentici si sono sempre svolte in questo periodo. E poi questa è fortemente regionale. per non dire locale (gente della Vltellina e qualche sciür de Milan)
...
scritto da Eugenio123, settembre 03, 2009
Ma perché organizzano queste manifestazioni quando c'è il Cheese a Bra? :-/

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy