Con Autogrill (Benetton) il mercimonio del cibo lento ha un altro primattore

  Arrivano giorni in cui anche i più potenti rischiano di provare non proprio la paura ma quantomeno del timore, anche se non ammetteranno mai di avere né l'una né l'altro. Arrivano altri passaggi della vita nei quali - per ridare sostanza alla loro presunta immagine di benemeriti "creatori di lavoro" - certi soggetti si determinano a lanciare roboanti annunci di reclutamento dipendenti (come questo), magari dopo averne licenziati altri. Dotati di uffici stampa assai efficienti e di acuti pensatori (s'ingegnano in cose come questa), sempre pronti nel garantire la massima copertura mediatica, detti personaggi nulla possono se non iniziare - forse - a preoccuparsi di qualcosa se e quando nell'agone del mercato scende in campo un loro simile.

L'annunciata discesa di Autogrill (leggi qui) nel segmento del cibo di fascia alta (per loro di ciò si tratta) difficilmente innescherà qualche competizione tra big. I Benetton e Farinetti, non andranno ad alcuno scontro; più verosimilmente si spartiranno una torta un poco meno grande ma talmente grande (in Italia e all'estero) da permettere a ciascuno dei due di non curarsi dell'altro.

Un interno del Bistrot Duomo di Autogrill, in piazza Duomo a MilanoQuel che dà da pensare è invece ciò che accadrà attorno ai due "capitani d'impresa": da un lato il sommo esegeta del precariato renziano (leggi qui), dall'altro i grandi fautori della globalizzazione (lo sono da circa vent'anni, padroni di un decimo di Patagonia, ottenuto sfrattando gli indigeni; leggi qui). Attorno ai due si gioca e giocherà nel tempo una partita fatta di asservimento e mimetismi, di bugie e tradimenti, di contraddizioni e di briciole che varranno milioni (di euro) per chi sarà in prima fila e al loro fianco a raccattarli. Si dice che per qualcuno conti più il fine che non il mezzo. Per altri solo ed esclusivamente il fine. E l'impressione è che il peggior epilogo possibile stia per essere servito a quel mondo agricolo che ancora si ostina a fare qualità e che sarà il primo ad essere tradito e nel peggiore dei modi.

I molti che erano e sono ancora illusi nella realizzabilità di un "cibo lento", equo e solidale abbandonino la pratica delle deleghe in bianco, aprano gli occhi e si rimbocchino le maniche. Non dentro un movimento ormai irriconoscibile tanto si è trasfigurato al peggio, ma in proprio, nel loro piccolo giardino e negli spazi sociali che si sapranno conquistare e che gli saranno concessi. Il domani è già oggi ed è evidente. Oltre i prezzolatissimi comunicatori, oltre la stampa sempre-pronta-alla-bisogna, al di là degli onnipresenti guru e dei saccenti, si sta giocando una delle più grandi farse che il mondo agricolo abbia mai avuto modo di sopportare: più di quanto ogni mela o linea verde ci abbiano saputo cantare e raccontare.

La credibilità dell'Expo2015 attraverso il pensiero graffiante di Kotiomkin.it®

L'agricoltura - non certo l'agroindustria - è in grave crisi nel mondo intero. Firme come Coca Cola (con un mega-padiglione intereamente riciclabile: che bravi, eh?) e McDonald's hanno messo mani tutt'altro che candide sull'Expo (leggi qui), fiera di piccoli e grandi scandali, dalle mazzette milionarie al lavoro non retribuito dei giovani volontari. Chiamarsi fuori adesso, per Carlin Petrini e soci, sarebbe l'unica scelta possibile - ma assai improbabile, a nostro avviso - per salvare la faccia e recuperare un qualche legame con le proprie origini. E per preservare la parte migliore di sé: quella base pensante, vera e reattiva del movimento che mai come oggi si è sentita così poco rappresentata e così tanto tradita.

2 marzo 2015
 

Commenti (6)Add Comment
giornalista
scritto da arci-deluso, marzo 14, 2015
una grande delusione su tutti i fronti..è vero pecunia non olet.. e affanculo i piccoli produttori e le specificità in via di estinzione. Per questo ho chiuso da tempo con i "cugini di campagna" che pensano solo al loro conto in banca..anzi.. nelle banche !!
@ Carlone Petrone
scritto da Calugi Luigi, marzo 03, 2015
Quando parli di Carlin sciacquati la bocca. Tutti bravi a predicare. Bravi davvero!
Carlin Giano Petrini
scritto da Carlone Petrone, marzo 02, 2015
Proprio vero, era un altro Carlin. E quantè vero che la vita dai e dai ti cambia. Belle le utopie, belli i sogni, ma difficile non cedere un colpo oggi uno domani e ritrovarsi che il cuore andrebbe sempre da una parte e la testa dalla parte opposta. Se è vero che pecunia non olet sarà anche vero che a immischiarsi in certe storie di m.... non porta tanto onore.
Che ci fa Slow Food?
scritto da Maria Campi Flegrei, marzo 02, 2015
Passi per Eataly, passi (forse) per Autogrill, ma che ci fa Slow Food in una kermesse come Expo 2015? Non si sapeva forse che sarebbe stata un'Expo messa a disposizione delle big? Non poteva forse SF chiedere garanzie prima di farsi coinvolgere? O forse era lì "solo" per garantire a Farinetti l'assegnazione (senza una gara, se non erro) del suo ristorante?
Moralisti
scritto da Marta Robiolina, marzo 02, 2015
Non si capisce cosa ci si debba stupire che imprenditori come i Benetton sarebbero per la globalizazzione. Cosa volete ancora le magliette sferruzzate a mano dalla nonna? Non è che siete nati troppo tardi? O volevate prima che portassero in Italia le loro 900.000 pecore dalla Patatonia?
Deluso
scritto da Serafino L., marzo 02, 2015
Deluso, tanto deluso, immensamente deluso. Un progetto nato per i contadini, per il fragile mondo rurale, per i consumatori che ci hanno creduto. Ci abbiamo creduto. E siamo stati traditi. SF: fate schifo!

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy