Italia

Il “formaggio della transumanza” e la lezione sul mais: qualcosa non quadra nella divulgazione di Latterie Vicentine

Si parla di transumanza con sempre maggior frequenza, da alcuni anni a questa parte, a volte con qualche approssimazione e abuso (è accaduto di nuovo la settimana scorsa), tant’è che le iniziative legate a mandrie e greggi impegnate in migrazioni più o meno autentiche trovano sempre maggior spazio sui media italiani. A volte meritatamente, altre meno.

Leggi tutto...
 
C’è la Murgia pastorale nell’abbraccio a Matera per il 2019

Un'immagine di pastorizia in uno jazzo, tipica costruzione rurale del nostro Meridione - foto dal sito web www.jazzi.itHa preso avvio nei giorni scorsi il programma di attività denominato “La Murgia abbraccia Matera”, un’azione con cui la Regione Puglia intende avviare progetti di recupero e di valorizzazione del patrimonio dell’architettura rurale e dell’archeologia industriale dismessi, attraverso forme di riuso e fruizione dei beni che, a detta dei fautori dell’iniziativa, si preannunciano inedite.

Leggi tutto...
 
Il protocollo CReNBA non basta più: in arrivo la sesta libertà per gli erbivori?

Gli italiani sono attenti alla qualità  della vita degli animali da reddito. A raccontarcelo è CiWF Italia, l'€™associazione che negli ultimi anni ha legato il suo nome al "Premio Benessere Animale"€ (assegnato ad aziende del calibro di Amadori, Barilla, Pavesi, etc.) e alle cosiddette €"5 libertà  delle bovine da latte"€, il programma di promozione basato sul protocollo CReNBA (Centro di Referenza Nazionale per il Benessere Animale), a cui hanno aderito tra le altre Fattorie Osella e Centrale del Latte di Torino.

Leggi tutto...
 
Caro Petrini, moderiamo gli elogi ai gelatai che non usano latte estensivo

   Mai come in questa edizione il Cheese di Bra ha ospitato, a quanto ci è parso di vedere, tanti prodotti “altri”, differenti dal formaggio, a partire dalla birra, per finire al gelato "artigianale", che, a parte rare eccezioni, è un prodotto legato alla zootecnia intensiva; vale a dire a vacche recluse in stalla e alimentate con insilati di mais e unifeed. Esattamente al contrario di quanto si prefiggerebbe di valorizzare l’associazione che asserisce di promuovere il cibo “buono, pulito e giusto”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 132