Italia

Shopping toscano per Arborea: acquisito il latte San Ginese
   La Sardegna del latte è sotto i riflettori dei grandi media nazionali, vuoi per la crisi del latte ovino, che perdura da mesi e in cui la politica sembra non voler trovare una via d'uscita (pur esistendo proposte costruttive: clicca qui), vuoi per gli "incidenti di percorso" di una componente industriale che a volte è sembrata un po' pasticciona e che mai è riuscita a scrollarsi di dosso i dubbi sull'esistenza di un "cartello" operato per calmierare il costo del latte (ovino, caprino, vaccino) alla stalla.
 
Leggi tutto...
 
I fautori delle razze spinte speculano sulla memoria corta degli italiani

   Sant'Antonio Abate è il santo protettore degli allevatori, ma a quanto pare non riesce a proteggerli da tutte le angherie che vengono loro rivolte, giorno dopo giorno. Soprattutto da parte di chi si dice al loro fianco ma che poi, a ben vedere usa lo spazio occupato nel mondo della politica per una rappresentanza che nessuno ha mai dato loro, nei termini di molte istanze rivendicate, in tv e sulle pagine dei giornali.

Leggi tutto...
 
Parmigiano: il consorzio dà il suo ok alle ''nozze'' con il Grana

Fu allora (2010) che scoppio l'ammore? E soprattutto: è forse vero amore? Potrà mai funzionare?Fece scalpore, tra molti addetti ai lavori, nel giugno scorso, la notizia secondo cui il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano avrebbero potuto avere in un ipotetico futuro qualche alleanza di comodo da praticare (sul fronte della promozione e della pubblicità, principalmente, e soprattutto all'estero, ndr). In effetti fu il direttore del consorzio di Desenzano sul Garda a lanciare il proprio cinguettio attraverso le pagine di alcuni giornali locali e di settore manifestando l'intenzione di una qualche convergenza possibile con quelli che agli occhi di molti sarebbero i primi e storici rivali che il Grana ha sul mercato, interno ed estero.

Leggi tutto...
 
Non c'è pace per le stalle bresciane: il serial killer è in azione

 

Da Montichiari a Ghedi, a Leno, nella bassa bresciana, dall'inizio dello scorso dicembre sino a pochi giorni fa - e chissà che non debba accadere di nuovo - il terrore ha preso a imperversare per le stalle lasciando dietro di sé una lunga e incomprensibile scia di sangue. Mattanze selvagge di vacche e di vitelli, tutti abbattuti nello stesso modo, di notte, che si sono concluse - sempre - con l'asportazione di uno dei cosci. Unica variante, a quanto pare, la dislocazione delle carcasse all'atto dei ritrovamenti: a volte dentro la stalla, a volte all'esterno.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 120