Gianni Fava: ''I prati stabili siano il traino per vendere tutto il Grana Padano'' (anche quello dei mangimi)

   Grande visibilità per il Grana Padano nel corso del fine settimana, sia a Bergamo, dove ancora una volta la manifestazione "Forme" lo ha accostato (assieme ad altri formaggi più o meno industriali quali Taleggio, Quartirolo, Gorgonzola e Branzi Ftb) alla leggenda dello Storico Ribelle (fu Bitto Storico) per evidenti fini promozionali, sia a Goito, nel mantovano, località in cui per due giorni si è celebrata una rarità padanista: il Grana Padano dei Prati Stabili [appena sei i caseifici presenti(*)], che assieme al Trentingrana e al Grana Padano della montagna piacentina rappresentano tre mosche bianche in un contesto produttivo in cui insilati e unifeed la fanno da padroni.

Intervenendo all'inaugurazione della manifestazione goitese, l'assessore all'agricoltura della Regione Lombardia ha sottolineato che «il futuro del cibo è sempre più legato alla sua identità e al legame che ha con il territorio. Questo vale anche per i grandi formaggi e la Fiera del Grana Padano dei prati stabili, in programma da oggi a domenica, è uno strumento in grado di promuovere un grande prodotto, che ha un specificità e un legame definito con il luogo di produzione».

Usare il Grana Padano dei prati stabili per promuovere tutto il Grana. Anche quello degli insilati e dell'unifeed. È questa la proposta dell'assessore agricolo lombardo Gianni Fava. E con i consumatori come la mettiamo?«Il sostegno di Regione Lombardia», ha aggiunto Fava, «non è mai mancato e oggi credo che questo territorio faccia bene a studiare la modalità di partecipazione ai PIA, i Piani Integrati d’Area, che consentono di promuovere un’area e le sue produzioni agroalimentari nel suo complesso. I PIA sono uno strumento nuovo, che consentono di intercettare nuove risorse, anche per finanziare la promozione e la comunicazione».

All’inaugurazione, avvenuta nella Sala Consiliare del Comune di Goito, erano presenti i rappresentanti dei Comuni di Goito, Marmirolo, Roverbella e Volta Mantovana, in cui sono compresi i prati stabili del padano, e in cui purtroppo la zootecnia è ancora largamente intensiva (vacche in stalla, alimentazione non solo a base di fieno).

Una selezione assai disomogenea quella del progetto "forme", che propone da due anni e mezzo tanto il ''sacro'' quanto il ''profano'' della produzione casearia lombarda. Un'iniziativa che porta benefici a chi non vive di luce propria ma riflessa«Se la nicchia dei prati stabili può essere quella dei prati stabili», si legge testualmente sul sito web dell'assessore lombardo, «credo che ne potrebbe beneficiare tutto il comparto. Dobbiamo trasmettere valori positivi al consumatore, per ottenere effetto trascinamento sulla filiera e sul territorio nel suo complesso».

Un'affermazione quest'ultima da rigettare con fermezza in quanto oggettivamente grave, dal momento che la gran parte del Grana Padano è prodotto alimentando le vacche ad insilati di mais e unifeed, quindi con mangimi e non con fieni locali.

23 ottobre 2017

(*)Latteria San Pietro, Caseificio Sociale San Donato di Castellucchio, Latteria Sociale Mantova, Latteria Agricola Marmirolo, Latteria Goitese, Latteria Sociale di Roverbella

 

Commenti (3)Add Comment
...
scritto da Gaston Luceri, ottobre 24, 2017
In effetti la gran produzione di massa del GP ha tre realtà scomode con cui fare i conti, dal Trentingrana al Grana Padano della montagna piacentina a questo dei Prati stabili che neanche conoscevo. Realtà sinora tenute quasi nascoste al grande pubblico, se si eccettua un pò di comunicazione fatta dai trentini. Cosa succede? Chi sta portando alla luce questo "Prati stabili" e perchè? E le analisi dei grassi a confronto, qualcuno le ha pubblicate?J
Impuniti
scritto da Nicoletta Cadei, ottobre 23, 2017
Mi chiedo quanta impunità ci sia in personaggi come questo:dice apertamente in pubblico che attravero il Grana Padano dei prati stabili (uno 0,05%) bisogna promuovere anche il resto della produzione (un 99,95%). Ha tanta faccia di tolla lui o il mondo dei consumatori è un mondo di coglio?
...
scritto da Simon K. Vertonghen, ottobre 23, 2017
Ho sempre pensato che quella foto di Forme è una grande accozzaglia di formaggi di mille dignità, e anche di nessuna. Un latte di mucche una vita in stalla, mangiando mais e mangime è un latte indecente, un latte malato. Tanto è vero che senza lisozima gli scoppiano le forme. Allora come fare per farsi apprezzare? Ma una foto con il fu Bitto Storico e si vola in Paradiso! Copmplimenti a tutti, compliemnti a chi ha venduto la montagna per entrare nel giro di chi "conta"!

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy