Estero

Fondi per le vacche (e le capre) con le corna: la Svizzera ha detto "no"

   Nell'immaginario collettivo, la Svizzera è il Paese del buon cioccolato, degli orologi di alta precisione, delle "mucche" felici, al pascolo. Bene, se i primi due miti erano scivolati già da tempo sui terreni viscidi di un'industrializzazione che punta più alle quantità che alle qualità, il terzo cade fragorosamente in questi giorni per una decisione impopolare degli organismi governativi.

Leggi tutto...
 
Germania: la crisi del latte frena le stalle più piccole

    Dal termine del regime delle quote latte si è fatto un gran parlare di crisi del settore, del crollo del prezzo alla stalla, della sua altalena, di misure straordinarie di sostegno adottate tanto a livello comunitario che nell'ambito di ogni singolo Paese. Ma anche di allevamenti costretti a chiudere i battenti, quando non anche di peggio.

Leggi tutto...
 
Stati Uniti: verso il ''no'' alla denominazione ''latte vegetale''?
foto Pixabay©Il fenomeno dei cosiddetti "latti vegetali" ha registrato nel 2016 un'ulteriore crescita, tanto nel mercato europeo quanto in quello nordamericano. Stiamo parlando del latte di mandorla (e di riso, avena, canapa, soia, etc.), dello yogurt di riso (etc.), del "formaggio" di soia, e di un'infinità di altre merci che utilizzano denominazioni palesemente non appropriate ai prodotti medesimi, che nulla hanno a che vedere con il latte (liquido secreto dalle ghiandole mammarie dei mammiferi, ndr) dal momento che si tratta di semplici bevande e dei loro derivati (creme, etc.), tutti di origine vegetale.
 
Leggi tutto...
 
Cresce più l'import che l'export: la Svizzera correrà ai ripari
foto Pixabay©Prosegue il trend positivo dei formaggi svizzeri sui mercati internazionali, nonostante i contesti di mercato non siano sempre favorevoli. Nel 2016 l'export della Confederazione ha infatti superato le 70mila tonnellate (70.198 ton), e i 604,2 milioni di franchi di entrate, registrando l'incremento sia dei quantitativi (+2,5%) che del fatturato (+0,7%). Il fonte su cui lavorare nell'immediato futuro è quello del mercato interno, in cui i prodotti stranieri, nello stesso periodo, hanno conquistato terreno.
 
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 49