Latte bio: Carrefour firma contratti con 66 allevatori francesi

foto MASA© - Creative Commons License©La firma della Gdo Carrefour, unitamente alla Carrefour Fondation e alla latteria francese Lsdh (Laiterie de Saint-Denis-de-l'Hôtel) ha deciso di finanziare la riconversione di sessantasei allevamenti di vacche da latte di latte per far fronte alle aumentate richieste di latte biologico con un’adeguata disponibilità di prodotto a marchio Carrefour. L’annuncio dell’operazione è arrivato giovedì scorso, con una conferenza congiunta in cui è stato enfatizzato il ruolo del Wwf Francia come garante di qualità e rispetto per gli animali, l’ambiente e i consumatori.

 

L’operazione era stata lanciata mercoledì al forum Open Agrifood di Orléans, unitamente alla fondazione ambientalista e alla Aplbc, l'associazione dei produttori di latte del bacino centrale francese. L’impegno assunto nei confronti dei produttori parla di una sovvenzione di 50 euro (20 da Carrefour, 30 da Lsdh) ogni mille litri di latte per i primi due anni, per coprire i costi di riconversione. Il latte verrà ritirato, trattato e confezionato dalla Lsdh (che ha sede e stabilimenti in Saint-Denis-de-l'Hôtel) e commercializzato da Carrefour, che garantisce agli agricoltori il flusso dei volumi prodotti attraverso la firma di un contratto triennale.

 

"Questo è un progetto senza precedenti, ambizioso e responsabile", ha affermato il segretario generale di Carrefour, Lawrence Valley, "che paga i produttori, con impegni in termini di volume e di prezzo".

 

Oltre a questo supporto, la raccolta sarà effettuata da camion ad impatto ambientale ridotto, alimentati a biometano per ridurre le emissioni di CO2. L'imballaggio sarà realizzato in tetrapak ecologici realizzati senza utilizzo di alluminio, testati dall’ente tedesco Sig Combibloc. La produzione prevista è di 10 milioni di litri e dovrebbe essere commercializzata a partire dal 2020.

 

Secondo l'ultimo sondaggio annuale condotto sui prodottori lattiero-caseari dal Ministero dell'Agricoltura francese, nel 2017 il latte biologico ha rappresentato il 2,6%. Dal canto suo, l'Lsdh, che è uno dei principali attori del mercato francese, produttore di latte e succhi di frutta, attualmente lavora 300 milioni di litri di latte all’anno, di cui 70 milioni bio.

 

"È importante che i metodi di produzione si evolvano», ha sottolineato il responsabile agricoltura del Wwf Francia Arnaud Gauffier, «per soddisfare i requisiti di rispetto per l'ambiente e il mantenimento della biodiversità, in modo che l'agricoltura francese - prima in Europa - «produca in modo sano per il nostro ecosistema e per il consumatore».

 

26 novembre 2018

 

Commenti (1)Add Comment
...
scritto da Redazione Qualeformaggio.it, dicembre 04, 2018
#### COMMENTI SOSPESI ###

Per motivi tecnici inerenti la preparazione del nostro nuovo portale web, i commenti sono sospesi.

La Redazione di Qualeformaggio.it

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy