Regno Unito: è di Arla Foods l’etichetta antispreco per il latte

foto Pixabay©L'ente inglese per la sostenibilità ambientale Wrap Org (Waste and Resources Action Programme) è verosimilmente al centro di un cambiamento epocale, che - partendo dal Regno Unito - potrebbe presto estendersi ad altri Paesi, europei e non. Grazie alle insistenti campagne condotte contro gli sprechi alimentari - al centro delle quali è spesso figurato il latte fresco - il gigante lattiero-caseario Arla Foods (11.200 allevatori e agricoltori nel centro-nord Europa) ha sviluppato uno speciale tipo di etichetta che dovrebbe poter aiutare i consumatori a gettare meno cibo nella spazzatura.

 

Grazie a speciali inchiostri termosensibili, saranno proprio le etichette ad evidenziare al consumatore quello che sembra essere un problema molto diffuso: i frigoriferi di tantissime abitazioni sarebbero mal regolati, troppo sovente sopra la soglia di 5ºC (mediamente pare che siano attorno ai 7°C), oltre la quale il latte fresco rischia di scadere prima della data indicata sulla confezione.

 

Le nuove etichette del latte di Arla Foods saranno accompagnate da un avviso, sul tappo: quando le scritte sull'etichetta si saranno inspessite il prodotto non sarà più idoneo al consumo - foto Arla Foods©Mantenere la temperatura dei frigoriferi a meno di 5ºC è un atto semplice e possibile, con il quale 50.000 tonnellate di latte ogni anno potrebbero essere salvate, con un risparmio per i consumatori che - secondo Wrap - potrebbe ammontare a 25 milioni di sterline (28,53 milioni di euro).

 

Attualmente l’ente di beneficenza sta collaborando con le aziende interessate per sviluppare e testare le etichette sensibili alla temperatura, con la speranza di avviare i primi test nei supermercati il ​​prossimo anno. Oltre alla variazione cromatica del colore, il packaging innovativo - sviluppato dalla start-up britannica Mimica Lab - offrirà al consumatore un’evidenza tattile per capire che la temperatura del frigo non è corretta: le scritte dell’etichetta risulteranno sensibilmente inspessite: un ulteriore indizio a prova di consumatore distratto.

 

La linea d'imbottigliamento ed etichettatura di Arla Foods, realizzata dalla tedesca Krones AG - foto Krones AG©Incentivare la congelazione del latte

A margine della valutazione sugli sprechi alimentari, e sui comportamenti dei consumatori, i più recenti dati forniti da Wrap permettono di notare che proprio il latte è l’alimento per cui meno si ricorre alla congelazione domestica (26%), una pratica di conservazione ormai entrata nelle abitudini di larga parte della popolazione britannica, tanto per la carne (51%) quanto per il pesce (37%) e il pane (35%). Lo studio elaborato da Wrap offre stimoli importanti che non verranno trascurati: se il latte riuscisse a vedere il freezer almeno quanto il pane riesce a fare, il risparmio potrebbe aumentare di altre 5mila sterline (5,71 milioni di euro). Un traguardo che l’ente e Arla Foods pare abbiano messo già nel mirino, per cui una campagna di “pubblicità progresso” dovrebbe essere avviata, in un futuro non molto lontano.

 

12 novembre 2018

 

Commenti (1)Add Comment
...
scritto da Redazione Qualeformaggio.it, novembre 15, 2018
#### COMMENTI SOSPESI ###

Per motivi tecnici inerenti la preparazione del nostro nuovo portale web, i commenti sono sospesi.

La Redazione di Qualeformaggio.it

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy