Economia

Dopo la curiosità, l'interesse della stampa estera: piace e non poco il minibond che sa di Parmigiano

La notizia è già rimbalza sui quotidiani web e le testate televisive di mezzo mondo, dal popolare El Clarin alla finanziaria Cnbc, ma in Italia è stata trattata unicamente - nel momento in cui scriviamo - dal Sole 24 Ore: sui mercati finanziari sono sbarcati i minibond garantiti da forme di Parmigiano Reggiano, e il quotidiano della Confindustria non riesce a non ironizzare sulla cosa, legando l'apparente curiosità dell'"evento" all'altrettanto particolare nome del caseificio: 4 Madonne. Che - evidentemente, e lo si sottolinea - qualche particolarità per compiere un'operazione del genere deve pur averla: quella di produrre 75mila forme in un anno, vale a dire il 2% dell'intera produzione della Dop emiliana.

Leggi tutto...
 
Latte industriale: sarà il 2016 l'anno nero delle stalle in Europa

   È già trascorso un mese e mezzo dall'annuncio sul nuovo prezzo del latte (37 centesimi di euro al litro) fatto dal ministro Martina al termine del tavolo interprofessionale del 26 novembre, presso il Mipaaf. Un accordo dal respiro corto, come lo definimmo allora, che scadrà il 28 febbraio, data oltre la quale le prospettive si fanno davvero oscure per gli allevatori italiani. Come già lo sono nel resto d'Europa.

Leggi tutto...
 
La zootecnia svizzera si rilancia con il latte per la prima infanzia

Un interno del Nestlé Technology Center di Konolfingen - foto Nestlé©L'idea che l'italiano medio ha del latte in polvere è stata molto condizionata dall'abuso che la stampa nazionale ha fatto nell'ultimo anno di questo termine: latte in polvere come "scorciatoia" per produrre formaggi industriali di primo prezzo. Anche, ma non solo. Chi conosce un po' il settore sa bene che - al di là dell'essere stato privato della sua acqua (>87% quello vaccino) - questo tipo di latte è presente sul mercato in diversissime varianti (da quello per uso zootecnico al "formula", destinato alla prima infanzia), che lo si trova in molti alimenti industriali (a volte dove non dovrebbe neanche essere), che la sua presenza sul mercato condiziona il prezzo del latte fresco. E molto altro ancora.

Leggi tutto...
 
La Cina archivia la politica del figlio unico. Ripercussioni positive per il mercato del latte

altLa fine della politica del figlio unico, annunciata in Cina negli ultimi giorni di ottobre, sta portando i primi contraccolpi finanziari ai grandi attori internazionali del mercato lattiero-caseario. Per quanto gli analisti parlino di una crescita demografica importante - stimata tra tre e otto milioni di nascite in un anno - le ripercussioni in atto indicherebbero unicamente una tendenza che poco ancora può svelare sugli scenari futuri.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 29