CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

kytts
...e altri selezionati food-blog
Muffin salati al Caciocavallo Podolico con pere

Pane, pizze e focacce

Tempo di preparazione: 10'
Tempo di cottura: 20'

Ingredienti ricetta

per dodici persone:
90 gr di farina 00
90 gr di farina di mais fioretto
125 ml di latte intero
50 gr di olio extravergine d'oliva
1 uovo
1/2 bustina di cremor tartaro (lievito istantaneo)
150 gr di Caciocavallo Podolico
una pera

 

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori al palato - Immaginate di essere in un bel prato spontaneo fiorito, nel pieno della primavera, e di strappare un ciuffo d'erba, di strofinarla con le mani, e di portarla al naso e respirare.

leggi tutto

Pensate poi, allo stesso modo, di avvicinare le vostre narici ad un sacchetto di mangime e di sentire l'odore che ha il suo contenuto.
Ecco, una delle differenze tra un prodotto derivato da un allevamento estensivo - o brado - ed uno intensivo - o industriale - è facile coglierla. La ricchezza aromatica propria dell'alimentazione animale (o la sua povertà) sarà rintracciabile nel prodotto finale, carne o latte che sia, e nei relativi derivati, insaccati e formaggi. Ed è per questo che i formaggi originati da allevamenti intensivi (stalla > insilati, unifeed*, mangimi) hanno una ricchezza gustativa assai meno interessante di quelli che nascono da una conduzione zootecnica estensiva (pascolo nella buona stagione, stalla in quella avversa > fieno, erba medica, qualche integrazione naturale), sempre che il latte venga poi valorizzato da una adeguata buona lavorazione.
______________

* La tecnica "unifeed" o del "piatto unico" (dall'inglese "unique feed" > alimento unico) è utilizzata esclusivamente all’interno degli allevamenti intensivi ad alta produzione e consiste nel miscelare le diverse materie prime della dieta mediante l’uso del carro miscelatore e nel somministrarle una volta giorno in un unico impasto, senza alcuna possibilità da parte degli animali di selezionare gli alimenti

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

 

Formaggio utilizzato:
Caciocavallo a latte crudo da vacche di razza Podolica allevate al pascolo

Stagionatura: 6 mesi
Diametro: 15 cm
Altezza: 18 cm
Peso: 2,2 Kg.

Produttore: Allevamento Federico Varallo - Alfedena (AQ)
telefono: 338.4267282

 

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.kittyskitchen.it

Formaggio e pere, uno degli abbinamenti più noti della nostra gastronomia. Si parte dal famoso detto del contadino, e si arriva ai piatti elaborati di grandi chef che si sono cimentati nel riprodurlo in tante versioni: dentro un raviolo, come finger food e nei dessert.

Tuttavia ritengo ci sia formaggio e “formaggio” da abbinare al frutto in questione, alcuni vanno benissimo, altri un pochino meno. Generalizzando, anche se poi è il palato con la l’assaggio a doverlo confermare, sono meno indicati i formaggio freschi e quelli molto strutturati e persistenti che magari richiederebbero, a quel punto, più una pera caramellata che una pera semplice.

 

Per quanto mi riguarda, sfido chiunque a non amare il Caciocavallo Podolico, abbinato con una pera ben matura. Un caciocavallo realizzato con latte di animali al pascolo nelle stagioni tra l'autunno e la primavera (siamo nel nostro Meridione, e i pascoli d'estate son secchi) difficilmente può lasciare indifferenti per i suoi profumi e per la sua bontà. Un formaggio ottimo da mangiare a pezzetti o a sottili sfoglie, ma anche grattugiato in preparazioni semplici, riesce sempre a donare al piatto tutto un altro carattere.

Preparazione

Preriscaldare il forno a 160°.

Unire gli ingredienti secchi: setacciare le farine e il lievito e aggiungere un pizzico di sale a gusto (io l’ho omesso) e aggiungere il Caciocavallo Podolico grattato finemente.

Mescolare a parte gli ingredienti liquidi: l’uovo, il latte e l'olio.

 

Unire gli ingredienti liquidi a quelli solidi, mescolare rapidamente e non troppo.

Per tutti i tipi di muffin esiste la regola delle “12 mescolate”, che vuol dire mescolare l’impasto non più di 12 volte.

Si formerà una palla morbida;  ora, disporre dei pirottini su di una teglia e riempirli per 2/3 con l’impasto.

 

Affettare una pera e privarla del torsolo, aggiungere le fettine al centro dei muffin.

Cuocere a 160° per 30 minuti, in forno ventilato.

 

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

2 ottobre 2013

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!