CacioRicette
Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

kytts
...e altri selezionati food-blog

Schiacciatina al Brazi Ftb e rosmarino

 

Pizza e focacce

Tempo di preparazione: 30' + 3h di lievitazione

Tempo di cottura: 20'

Ingredienti ricetta

per sei persone

  250 gr di farina

  90 gr di lievito madre in forza

  175 ml di acqua

  7 gr di sale

  80 gr di Branzi Ftb grattugiato

  rosmarino in rametti

  10 ml di olio extravergine d’oliva

 

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori al palato - Immaginate di essere in un bel prato spontaneo fiorito, nel pieno della primavera, e di strappare un ciuffo d'erba, di strofinarla con le mani, e di portarla al naso e respirare.

leggi tutto

Pensate poi, allo stesso modo, di avvicinare le vostre narici ad un sacchetto di mangime e di sentire l'odore che ha il suo contenuto.
Ecco, una delle differenze tra un prodotto derivato da un allevamento estensivo - o brado - ed uno intensivo - o industriale - è facile coglierla. La ricchezza aromatica propria dell'alimentazione animale (o la sua povertà) sarà rintracciabile nel prodotto finale, carne o latte che sia, e nei relativi derivati, insaccati e formaggi. Ed è per questo che i formaggi originati da allevamenti intensivi (stalla > insilati, unifeed*, mangimi) hanno una ricchezza gustativa assai meno interessante di quelli che nascono da una conduzione zootecnica estensiva (pascolo nella buona stagione, stalla in quella avversa > fieno, erba medica, qualche integrazione naturale), sempre che il latte venga poi valorizzato da una adeguata buona lavorazione.
______________

* La tecnica "unifeed" o del "piatto unico" (dall'inglese "unique feed" > alimento unico) è utilizzata esclusivamente all’interno degli allevamenti intensivi ad alta produzione e consiste nel miscelare le diverse materie prime della dieta mediante l’uso del carro miscelatore e nel somministrarle una volta giorno in un unico impasto, senza alcuna possibilità da parte degli animali di selezionare gli alimenti

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:
Ftb Branzi
Peso: 8 kg
Lato: 38 cm
Scalzo: 8 cm
ProduttoreLatteria Sociale di Branzi  - Branzi (BG)

Archivio ricette


 

una ricetta di www.mypaneburroemarmellata.com
alt

Il Branzi FTB è un formaggio dal sapore dolce e delicato, determinato dalle componenti erbacee dei  foraggi prodotti in alta Val Brembana, zona di cui è originario.

Non è stato difficile abbinarlo in cucina, anzi, proprio per questo suo gusto poco invasivo è adatto a moltissime preparazioni. 

 

L’ho utilizzato per dare carattere ad una schiacciata a lievitazione naturale, arricchendola con degli aghetti di rosmarino sminuzzati. Mentre il gusto prevalente è sicuramente quello del formaggio, bisogna dire che anche l’olio svolge un ruolo importante.

 

Vi raccomando di usare un extravergine dal gusto leggero e possibilmente nuovo: darà molto risalto alle note particolarmente delicate del formaggio.

 

Preparazione

altFar intiepidire l’acqua e sciogliere il lievito madre. In una terrina, versare la farina ed aggiungere  l’acqua ed il lievito. Impastare e far prendere consistenza all’impasto. Aggiungere il sale, il formaggio, l’olio ed alcuni aghetti di rosmarino sminuzzati. Impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico.

Infarinare una teglia e, con le mani oliate, stendere l’impasto formando in superficie delle piccole fossette. Porre la teglia in un luogo fatto leggermente intiepidire e lasciar lievitare per 3 ore. Passato questo lasso di tempo, preriscaldare il forno a 250°.

Infornare e lasciar cuocere per 20 minuti circa o fino a quando la superficie della schiacciata non sarà dorata.

Sfornarla e lucidarla con del buon olio extravergine d’oliva.

 

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice?  Allora clicca qui!

11 ottobre 2012

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!