CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Sere in cucina
...e altri selezionati food-blog
Parmigiana di carciofi con pecorino stagionato Tiu Ettori

Piatto unico

Tempo di preparazione: 45'

Tempo di cottura: 15'-20'

Ingredienti ricetta

per tre persone

tre carciofi romaneschi
mezzo limone
500 gr di pomodori pelati
uno scalogno
90 gr di pecorino Tiu Ettori stagionato
olio extravergine di oliva
sale
pepe
 

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori per l'organismo - La differenza che meno salta all'occhio, comparando i prodotti caseari derivanti dalle due zootecnie - estensiva o al pascolo ed intensiva o industriale - è quella maggiormente importante,

leggi tutto

se si pensa che al di là del piacere della buona tavola, mangiamo anche o soprattutto per nutrirci. Dal punto di vista dei macrocomponenti - proteine e grassi - i formaggi delle due "famiglie" sono assai simili tra di loro, e le differenze salienti vanno ricercate nelle componenti cosiddette "secondarie", in quanto a "peso", ma decisive per l'apporto nutrizionale offerto: vitamina A ed E, antiossidanti naturali, acido linoleico coniugato (Cla), acido butirrico e Omega3, a cui si affiancano i terpeni, responsabili degli aromi.

Anni e anni di ricerca hanno dimostrato senza ombra di dubbio che dette componenti sono presenti in misura straordinariamente maggiore nei formaggi prodotti dal latte di animali allevati al pascolo.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:

Pecorino canestrato "Tiu Ettori" stagionato
Stagionatura: sei mesi
Diametro: 16-20 cm
Scalzo: 11-13 cm
Peso: 3 kg. ca.

Produttore:
Monzitta e Fiori società semplice agricola
Tula (SS)
www.monzittafioriformaggi.it
telefoni: 333.2707140 - 338.7295824

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.qualcosadirosso.com

altOggi avrei voluto fare la parmigiana di cardi ma, giunti ormai a febbraio, mi sono resa conto che è sempre più difficile trovare questi ortaggi, diffusi (almeno dalle mie parti) nel periodo natalizio, quando la parmigiana di cardi è un “must”. Largo allora ai carciofi, in una ricetta che ho molto alleggerito rispetto a quella classica, evitando di friggerli. Inoltre non ho fatto un sugo di carne (ragù) ma di sole verdure e pomodoro e, soprattutto, anche per coerenza col tema, ho omesso ulteriori formaggi e latticini.

Infine, ho notato che questo pecorino(1) sprigiona in cottura dei profumi molto intensi e penetranti: l'accostamento con i carciofi è azzeccato e ne fa un piatto unico, nella sua semplicità, nutriente e non pesante.

Una raccomandazione, poi: fate attenzione alla cottura dei carciofi; per ottenere un buon risultato occorre seguire attentamente il procedimento illustrato.

altPreparazione

Mondare attentamente i carciofi privandoli di tutte le parti dure e dell'eventuale peluria interna. Dividerli in otto/dieci spicchi e tuffarli in acqua bollente salata e acidulata col succo di mezzo limone, che potrete lasciare nella pentola insieme ai carciofi.

Portare a cottura i carciofi facendo in modo che restino al dente, quindi scolarli e adagiarli su abbondante carta assorbente affinché si asciughino il meglio possibile. Coprire con ulteriore carta.

Nel frattempo, preparare un soffritto con olio extravergine e scalogno finemente tritato. Tuffarvi i pelati e portare a cottura, salando e pepando a piacere.

Preparare una padella appena unta d'olio extravergine, scaldarla ed appoggiarvi gli spicchi di carciofo ben asciutti in modo che stiano larghi e non si tocchino. Tostarli su entrambi i lati senza muoverli mai durante la cottura: le due facce dovranno diventare ben colorite. Procedere con alcuni spicchi alla volta fino a terminare gli ingredienti.

In una teglia da forno di diametro 22-23 cm, disporre gli elementi in questo modo: uno strato di pomodoro, uno strato di formaggio a bastoncini, tutti i carciofi ordinatamente posizionati, ancora formaggio, un ultimo strato di pomodoro e terminare col rimanente formaggio.

Infornare a 180° per una ventina di minuti, curando la gratinatura superiore.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

4 febbraio 2015

Vuoi acquistare i formaggi della società agricola Monzitta e Fiori? Fallo su questo stesso sito: clicca qui. Li riceverai comodamente a casa tua!

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!

(*) Tiu Ettori è un formaggio pecorino da latte di animali al pascolo, prodotto dalla società agricola Monzitta e Fiori di Tula. L'azienda è dedita alla produzione di pecorini prodotti giornalmente dal solo latte aziendale con animali alimentati quasi esclusivamente ad erba e foraggi del territorio (vengono somministrate talvolta modeste integrazioni a base di cereali schiacciati o sfarinati), rispettando il ciclo produttivo degli animali. La produzione viene sospesa dal novembre al febbraio, in corrispondenza  con il periodo di asciutta che prepara le pecore ai nuovi parti. L'azienda, che aderisce all'ANFoSC (Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo), esegue periodicamente le analisi del profilo degli acidi grassi, a garanzia del valore nutraceutico dei propri prodotti.