CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Qualcosadirosso
...e altri selezionati food-blog
Quinoa real con fragole e Agrì di Valtorta

Piatto unico

Tempo di preparazione: 20'
Tempo di cottura: 24'

Ingredienti ricetta

per due persone:
100 gr di quinoa real
180 gr di acqua pura
80 gr di Agrì di Valtorta
olio extravergine d'oliva
miele di castagno
mezzo limone
50 gr di mandorle
qualche rametto di timo serpillo fresco
sale marino di Maldon
pepe nero in grani

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori per l'organismo - La differenza che meno salta all'occhio, comparando i prodotti caseari derivanti dalle due zootecnie - estensiva o al pascolo ed intensiva o industriale - è quella maggiormente importante,

leggi tutto

se si pensa che al di là del piacere della buona tavola, mangiamo anche o soprattutto per nutrirci. Dal punto di vista dei macrocomponenti - proteine e grassi - i formaggi delle due "famiglie" sono assai simili tra di loro, e le differenze salienti vanno ricercate nelle componenti cosiddette "secondarie", in quanto a "peso", ma decisive per l'apporto nutrizionale offerto: vitamina A ed E, antiossidanti naturali, acido linoleico coniugato (Cla), acido butirrico e Omega3, a cui si affiancano i terpeni, responsabili degli aromi.

Anni e anni di ricerca hanno dimostrato senza ombra di dubbio che dette componenti sono presenti in misura straordinariamente maggiore nei formaggi prodotti dal latte di animali allevati al pascolo.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:
Agrì di Valtorta

Peso: 30 gr
Diametro: 3,2 cm
Scalzo: 4 cm
Selezionatore e rivenditore:
Latteria Sociale di Branzi - Branzi (BG)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

Un piatto ottimo, sia dal punto di vista del gusto che da quello della salute; la coppia formaggio-fragole potrebbe sembrare insolita, ma se pensate al classico cacio con le pere vi renderete conto di quanto questo binomio sia utilizzato anche nelle più radicate tradizioni alimentari.

Preparazione

Per prima cosa sciacquate la quinoa e mettetela in un pentolino con l’acqua. Aggiungete all’acqua una presa di sale, qualche grano di pepe e un rametto di timo, mescolate e portate a ebollizione. Appena l’acqua bolle abbassate immediatamente la fiamma al minimo, coprite e lasciate cuocere per 12 minuti (o fino a quando l’acqua non sarà completamente assorbita); a questo punto lasciate riposare la quinoa, sempre coperta, per altri 12 minuti. Dopo potete sgranarla come si fa con il couscous e metterla da parte (dovrà essere appena tiepida quando impiatterete).
 

Intanto che la quinoa cuoce tagliate le fragole a metà e poi a fettine, riducete il formaggio in tocchetti e tritate grossolanamente le mandorle con un coltello. Mettete tutto in ciotoline separate, perché se mescolate semplicemente tutto insieme l’effetto estetico lascerà molto a desiderare: vi ritroverete con un pappone rosa tutto disordinato.
 

Quando ogni cosa sarà pronta prendete un piatto grande, adagiateci qualche cucchiaiata di quinoa sgranata, cospargetela di fragole, mandorle e formaggio e completate con un giro d’olio, una spruzzata abbondante di limone, un filo di miele di castagno, foglioline di timo e il sale di Maldon; completate con una macinata di pepe nero e servite con un sorriso quasi estivo :-)

 

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

11 giugno 2014

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!