CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

kytts
...e altri selezionati food-blog
Carpaccio di zucchine con ricotta al ginepro e mentuccia romana

Contorno

Tempo di preparazione:
 5' + 20' di marinatura

Tempo di cottura: -

Ingredienti ricetta

per un piatto:
1 zucchina romana bio
50 gr di ricotta al fumo di ginepro
bacche di ginepro
menta romana
olio extravergine d'oliva

leggi tutto

sale
qualche goccia di limone

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori al palato - Immaginate di essere in un bel prato spontaneo fiorito, nel pieno della primavera, e di strappare un ciuffo d'erba, di strofinarla con le mani, e di portarla al naso e respirare.

leggi tutto

Pensate poi, allo stesso modo, di avvicinare le vostre narici ad un sacchetto di mangime e di sentire l'odore che ha il suo contenuto.
Ecco, una delle differenze tra un prodotto derivato da un allevamento estensivo - o brado - ed uno intensivo - o industriale - è facile coglierla. La ricchezza aromatica propria dell'alimentazione animale (o la sua povertà) sarà rintracciabile nel prodotto finale, carne o latte che sia, e nei relativi derivati, insaccati e formaggi. Ed è per questo che i formaggi originati da allevamenti intensivi (stalla > insilati, unifeed*, mangimi) hanno una ricchezza gustativa assai meno interessante di quelli che nascono da una conduzione zootecnica estensiva (pascolo nella buona stagione, stalla in quella avversa > fieno, erba medica, qualche integrazione naturale), sempre che il latte venga poi valorizzato da una adeguata buona lavorazione.
______________

* La tecnica "unifeed" o del "piatto unico" (dall'inglese "unique feed" > alimento unico) è utilizzata esclusivamente all’interno degli allevamenti intensivi ad alta produzione e consiste nel miscelare le diverse materie prime della dieta mediante l’uso del carro miscelatore e nel somministrarle una volta giorno in un unico impasto, senza alcuna possibilità da parte degli animali di selezionare gli alimenti

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato: Ricotta di pecora al fumo (freddo) di ginepro a latte crudo da agricoltura biologica e da animali al pascolo
Stagionatura: 60 giorni
Formato: diametro 7,5-9 cm
Scalzo: 4,5 cm
Peso: 250-300 g

Produttore: Parco Produce - Anversa degli Abruzzi (AQ)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.kittyskitchen.it

altÈ un vero onore per me dare inizio a questa rubrica, che vedrà alternarsi le ricette di cinque foodblogger italiane (nord centro e sud) alle prese con il vero protagonista di questa avventura culinaria: il formaggio.

No, certo non formaggi qualsiasi; stiamo parlando di prodotti altamente selezionati, di produttori che “fanno le cose per bene”, di realtà che con la grande distribuzione hanno poco a spartire. Se siete un pochino curiosi di incontrarli, beh, non perdete il nostro appuntamento settimanale.

La ricetta

Quindi, è con grande piacere che oggi vi presento la prima ricetta, di una semplicità disarmante, ma quando si parla di ingredienti di qualità sono d’accordissimo con la frase “less is more”. Zucchine, una ricotta d’eccezione e menta, uniti in un piatto a cui, con gli ultimi caldi estivi, sfido chiunque a dir di no.

La ricotta di pecora al fumo freddo di ginepro ha una pastaalt morbida con struttura regolare, il sentore delicato di fumo porta note dolci di latte siero di ovino, per non coprire il suo sapore, non esagerate nel marinare le zucchine con troppo limone.

La ricotta si abbina bene anche con una composta di lamponi e miele di rododendro, per i vini invece, Falanghina o Cerasuolo d’Abruzzo, che riporta anche un legame territoriale.

Preparazione

altLavare e affettare la zucchina con l’aiuto di una mandolina per ottenere delle fette longitudinali alte 1 mm circa.

Emulsionare l’olio con poco sale, le bacche di ginepro pestate finemente al mortaio e qualche goccia di limone, condire le zucchine con questa emulsione, lasciar riposare venti minuti.
Sistemare le zucchine leggermente marinate su un piatto, sbriciolare la ricotta sul capraccio, aggiungere ancora polvere di ginepro, qualche fogliolina di menta e un ultimo giro di olio.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

16 settembre 2011

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!