CacioRicette
Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Qualcosadirosso
...e altri selezionati food-blog
Uova in cocotte con robiola al latte crudo

Secondo piatto

Tempo di preparazione: 10'
Tempo di cottura 10-15' + il tempo per stufare le verdure

Ingredienti ricetta

per quattro persone
4 uova fresche e felici
verdura a piacere
4 fette di pane un po’ raffermo
mezza robiola

leggi tutto

sale marino integrale
8 cucchiai di panna fresca
maggiorana (fresca o secca) quanta ve ne piace

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Migliori al palato - Immaginate di essere in un bel prato spontaneo fiorito, nel pieno della primavera, e di strappare un ciuffo d'erba, di strofinarla con le mani, e di portarla al naso e respirare.

leggi tutto

Pensate poi, allo stesso modo, di avvicinare le vostre narici ad un sacchetto di mangime e di sentire l'odore che ha il suo contenuto.
Ecco, una delle differenze tra un prodotto derivato da un allevamento estensivo - o brado - ed uno intensivo - o industriale - è facile coglierla. La ricchezza aromatica propria dell'alimentazione animale (o la sua povertà) sarà rintracciabile nel prodotto finale, carne o latte che sia, e nei relativi derivati, insaccati e formaggi. Ed è per questo che i formaggi originati da allevamenti intensivi (stalla > insilati, unifeed*, mangimi) hanno una ricchezza gustativa assai meno interessante di quelli che nascono da una conduzione zootecnica estensiva (pascolo nella buona stagione, stalla in quella avversa > fieno, erba medica, qualche integrazione naturale), sempre che il latte venga poi valorizzato da una adeguata buona lavorazione.
______________

* La tecnica "unifeed" o del "piatto unico" (dall'inglese "unique feed" > alimento unico) è utilizzata esclusivamente all’interno degli allevamenti intensivi ad alta produzione e consiste nel miscelare le diverse materie prime della dieta mediante l’uso del carro miscelatore e nel somministrarle una volta giorno in un unico impasto, senza alcuna possibilità da parte degli animali di selezionare gli alimenti

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato: Robiola a latte crudo vaccino da pascolo maggengo
Stagionatura: 60 giorni
Formato: 10x10 cm (quadrato)
Scalzo: 3,5 cm
Peso: 350 g
Produttore: Invernizzi Daniele - Cremeno (LC)

 

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

altQuesto modo di cucinare le uova è semplicemente fantastico; lo potete adattare alle verdure che avete sottomano a seconda della stagione, è veloce da preparare, molto carino da presentare a tavola e sorprendentemente buono :-)

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°C.
Imburrate quattro ciotoline di ceramica da forno e mettetele da parte.
 Armatevi di un coppapasta che abbia il diametro uguale al fondo delle ciotoline e ritagliate nella mollica delle fette di pane quattro dischi.

Lavate la verdura (una zucchina, o un po’ di cavolfiore, o spinaci, o sedano rapa, o un topinambour, una patata, o quello che vi piace di più, basta che sia una cosa che può essere mangiata semi-cruda, altrimenti stufatela prima leggermente o passatela al vapore senza lasciarla cuocere completamente), e tagliatela a tocchetti di mezzo centimetro di lato.

Sistemate i dischi di pane sul fondo delle cocotte e ricopriteli con la robiola alttagliata a fettine. Dividete i dadini di verdura in quattro parti, cospargeteli di maggiorana (o, a seconda della verdura che avete utilizzato, dell’erba aromatica che ci si accoppia meglio) sistemateli sopra il formaggio e aggiungete un pochino di sale.

Aprite un uovo in ogni cocotte facendo molta attenzione a non rompere il tuorlo.
Aggiungete due cucchiai di panna per ogni uovo, le rimanenti fettine di robiola, e finite con un’altra altspolverata di maggiorana e un altro po’ di sale.

Infornate per una decina di minuti o un quarto d’ora; dovete sfornare le cocotte non appena vedrete che l’albume sarà diventato bianco, altrimenti il tuorlo si rassoderà e il piatto perderà tutto il suo fascino :-)

Servite bollente con una bella fetta di pane leggermente tostato fatto in casa e un’insalata verde fresca e croccante.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

7 dicembre 2011

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!