CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Pasto nudo
...e altri selezionati food-blog
Involtini di coniglio ripieni di Caciocavallo in salsa di papaccelle

Secondo piatto

Tempo di preparazione: 1h
Tempo di cottura: 20'

Ingredienti ricetta

per quattro persone:

1 kg di coniglio d'erba disossato
150 gr di Caciocavallo Podolico 
1 cipolla
1 patata media
3 papaccelle di media grandezza (o tre peperoni rossi medi) 
3 gambi piccoli di sedano

leggi tutto

1/2 bicchiere di vino bianco
un mazzetto di salvia fresca
olio extra vergine d'oliva

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

I benefici nutrizionali - In sintesi, i prodotti derivati da animali "al pascolo" (allevati secondo la pratica della zootecnia estensiva) offrono molti benefici a chi se ne nutra:
Vitamine A ed E - Importanti,

leggi tutto

oltre che per le specifiche azioni vitaminiche, anche per le proprietà antiossidanti

Cla - L'acido linoleico coniugato ha effetti fisiologici importantissimi: è anticancerogeno, antiossidante, antinfiammatorio, e influisce positivamente sul rapporto tra massa magra e massa grassa dell'individuo
Acido butirrico - È un grasso polinsaturo con la proprietà di agire da antidiabetico e di contrastare l'insorgenza dei tumori del colon
Omega 3 - Sono acidi grassi polinsaturi essenziali, così detti perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. Hanno effetto antitrombotico, sono importanti nel controllo della pressione arteriosa e del livello plasmatico dei lipidi e, infine, garantiscono una buona elasticità alle pareti arteriose, una protezione del cuore e del sistema circolatorio in generale
Antiossidanti - Sono sostanze in fondamentali per contrastare la formazione di radicali liberi e le reazioni di ossidazione.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:
Caciocavallo a latte crudo da vacche di razza Podolica allevate al pascolo

Stagionatura: 6 mesi
Diametro: 15 cm
Altezza: 18 cm
Peso: 2,2 Kg.

Produttore: Allevamento Federico Varallo - Alfedena (AQ)
telefono: 338.4267282

 

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

Per una volta mischiamo carne e formaggio (e che formaggio!), e ci aggiungiamo anche patate e peperoni, così non ci facciamo mancare nulla. Questa ricetta dovete provarla per capire; sinceramente non avrei pensato che il caciocavallo si sposasse così bene con le papaccelle, ma… dovevo immaginarlo! :-)

Preparazione

Per prima cosa cuocete al dente la patata facendola bollire per un quarto d’ora – venti minuti, a seconda della grandezza, lasciatela raffreddare e tagliatela a fette spesse un centimetro, e poi a metà nel senso della lunghezza.

Tagliate anche il caciocavallo a fette spesse circa un centimetro e poi a bastoncini, della larghezza di un dito.

 

Lavate, asciugate e mondate i peperoni, apriteli a metá, togliete le parti chiare e i semi e tagliateli a listarelle di due o tre centimetri di lunghezza.

 

Riducete il coniglio in pezzi più possibile rettangolari, stendeteli davanti a voi e farcitelo con due o tre bastoncini di caciocavallo, una delle mezze fette di patata e una foglia di salvia. Arrotolate la carne su se stessa e fermate l’involtino con un paio di stuzzicadenti o con dello spago da cucina.

 

Tritate grossolanamente la cipolla e il sedano e metteteli in una padella (abbastanza larga da contenere anche gli involtini) con il fondo coperto d’olio. Mescolate bene in modo da impregnare d’olio le verdure, mettete tutto sulla fiamma molto bassa e coprite con un coperchio, in modo da farle stufare senza che si brucino.

 

Quando il sedano e la cipolla saranno dorati mettete in padella gli involtini, alzate leggermente la fiamma e fateli rosolare per bene. Bagnate poi con il vino e aspettate che evapori. Appena il vino è evaporato mettete in padella i peperoni, mescolate, salate, e coprite con un coperchio per cinque/dieci minuti, in modo che i peperoni trasudino la loro acqua. A questo punto levate il coperchio e lasciate cuocere il tutto fino a quando gli involtini non saranno coloriti e i peperoni belli morbidi e saporiti.

 

Spegnete, togliete gli involtini dalla padella, versate tutto il sugo in un boccale alto e frullate con il frullatore a immersione.

 

Versate una mestolata di salsa di peperoni sul fondo di ogni piatto, adagiatevi sopra un paio di involtini e servite ben caldo.

 

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

23 ottobre 2013

 

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!