CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Sere in cucina
...e altri selezionati food-blog
Provola affumicata alla piastra con pomodoro e spinaci

Secondo piatto

Tempo di preparazione: 10'

Tempo di cottura: 20' circa

Ingredienti ricetta

per due-tre persone:

1 provola affumicata
1 cipolla di Tropea 
7-8 pomodori ben maturi
un mazzetto di spinacini freschi
sale marino integrale q.b.
aceto balsamico, meglio se "tradizionale"

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

I benefici nutrizionali - In sintesi, i prodotti derivati da animali "al pascolo" (allevati secondo la pratica della zootecnia estensiva) offrono molti benefici a chi se ne nutra:
Vitamine A ed E - Importanti,

leggi tutto

oltre che per le specifiche azioni vitaminiche, anche per le proprietà antiossidanti

Cla - L'acido linoleico coniugato ha effetti fisiologici importantissimi: è anticancerogeno, antiossidante, antinfiammatorio, e influisce positivamente sul rapporto tra massa magra e massa grassa dell'individuo
Acido butirrico - È un grasso polinsaturo con la proprietà di agire da antidiabetico e di contrastare l'insorgenza dei tumori del colon
Omega 3 - Sono acidi grassi polinsaturi essenziali, così detti perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. Hanno effetto antitrombotico, sono importanti nel controllo della pressione arteriosa e del livello plasmatico dei lipidi e, infine, garantiscono una buona elasticità alle pareti arteriose, una protezione del cuore e del sistema circolatorio in generale
Antiossidanti - Sono sostanze in fondamentali per contrastare la formazione di radicali liberi e le reazioni di ossidazione.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Latticino utilizzato:
Provola affumicata di bufala
Peso: 250 gr
Diametro: 10 cm
ProduttoreCaseificio Domenico Romagnuolo - Serre (SA)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

 Non per infierire sui napoletani "fuori sede" (ché altrove la provola davvero non si trova facilmente), però questo latticino con il pomodoro trova veramente la morte sua. Non vi sto a dire che cos'è dopo una scottata sulla piastra! E del tocco dell'aceto balsamico cosa vogliamo dire? Beh, io se fossi in voi non direi proprio niente. Mi munirei di provola e semplicemente… provolerei! ;)

Preparazione

Lavate bene gli spinaci, asciugateli e disponeteli al centro dei piatti, che metterete da parte.

 

Tagliate la cipolla a fettine sottili e fatela imbiondire a fuoco basso  in padella in qualche cucchiaio d'olio; aggiungete i pomodori pelati e schiacciateli bene con la forchetta, salate e lasciate cuocere questa salsa fino a quando non avrà un sapore dolciastro (i pomodori devono caramellarsi leggermente), ci vorranno una decina di minuti, forse un po' di più a seconda anche della grandezza della padella e della quantità di pomodoro.

 

 Sull'aceto balsamico, se ne userete di tradizionale (di Modena o di Reggio Emilia Dop) non bisognerà assolutamente fare la riduzione (e ne serviranno poche gocce), che invece sarà necessaria se l'aceto che userete sarà il più comune balsamico Igp, nel qual caso versatene meno di mezzo bicchiere (non grande) in un pentolino e lasciatelo ridurre (cioè evaporare un po', sobbollendo piano) a fiamma bassa. La consistenza finale dovrà essere simile a quella di uno sciroppo.

 

Fate scaldare bene una piastra di ghisa o una padella antiaderente senza teflon, tagliate la provola a fette di un paio di centimetri di altezza  e scottatela pochi minuti per lato (girandola una sola volta), solo fino a che non comincia a sciogliersi appena.

 

Adagiate le fette di provola grigliata sul letto di spinaci, aggiungete la salsa, bagnate il tutto con la riduzione di aceto balsamico e servite immediatamente :-)

 

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

30 maggio 2013

 

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!