CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute (le blogger torneranno a pubblicare dal prossimo autunno)

kytts
...e altri selezionati food-blog
Conchiglioni ripieni di zucchine e pecorino, gratinati

Primi piatti

Tempo di preparazione: 30'

Tempo di cottura: 20' circa

Ingredienti ricetta

per due persone:

160 gr di pasta formato "conchiglioni"
150 gr di zucchine
150 gr Pecorino delle Balze Volterrane semistagionato Dop
100 gr di ricotta fresca di pecora
50 ml di latte intero
olio extravergine d'oliva
uno spicchio d'aglio
timo fresco
sale marino
burro e pangrattato (per la pirofila)
 

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

I benefici nutrizionali - In sintesi, i prodotti derivati da animali "al pascolo" (allevati secondo la pratica della zootecnia estensiva) offrono molti benefici a chi se ne nutra:
Vitamine A ed E - Importanti,

leggi tutto

oltre che per le specifiche azioni vitaminiche, anche per le proprietà antiossidanti

Cla - L'acido linoleico coniugato ha effetti fisiologici importantissimi: è anticancerogeno, antiossidante, antinfiammatorio, e influisce positivamente sul rapporto tra massa magra e massa grassa dell'individuo
Acido butirrico - È un grasso polinsaturo con la proprietà di agire da antidiabetico e di contrastare l'insorgenza dei tumori del colon
Omega 3 - Sono acidi grassi polinsaturi essenziali, così detti perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. Hanno effetto antitrombotico, sono importanti nel controllo della pressione arteriosa e del livello plasmatico dei lipidi e, infine, garantiscono una buona elasticità alle pareti arteriose, una protezione del cuore e del sistema circolatorio in generale
Antiossidanti - Sono sostanze in fondamentali per contrastare la formazione di radicali liberi e le reazioni di ossidazione.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Pecorino delle Balze Volterrane Dop semistagionato
Stagionatura: 45-180 giorni
Diametro: 14-16 cm
Scalzo: 11-14 cm
Peso: 1,3-1,7 Kg ca.

Produttore:
Fattoria Lischeto di Giovanni Cannas
Volterra (PI
)

telefoni: 0588.30403 - 348.3327570 - 393.9036970


 

Archivio ricette


 

 una ricetta di Stefano Mariotti

altÈ più forte di me: ogni volta che l'orto torna a darmi le sue primizie, questo è uno dei miei classici di inizio primavera: il connubio tra zucchine, timo e pecorino è uno dei miei preferiti, e questa ricetta in particolare, in cui si parte ai fornelli per finire con l'indispensabile gratinatura, se da una parte implica qualche stoviglia in più da lavare (oh gli "ometti" in cucina, ma che disastro siamo!?) dall'altra ripaga con un'appetibilità e un gusto fuori dal comune.

Piatto più da cena che da pranzo (ti ci voglio poi a tornare al lavoro!), noi qui ce lo siam goduti però al tocco in punto e in redazione, come accade in questi casi, siamo rientrati bussando con i piedi, in compagnia di una buona bordolese di Chianti Classico, che si addice a meraviglia con questo desinare (e col lavoro più leggero del martedì, dopo una domenica di articoli!).

Preparazione

altLavare le zucchine e farne una dadolata sottile. In una padella insaporire del buon olio extravergine d'oliva con uno spicchio d'aglio e un ciuffo di timo fresco. Cuocervi le zucchine girandole di tanto in tanto, sino a farle rosolare, mantenendole un poco al dente.

Nel frattempo tagliare - sempre a dadini - del pecorino semistagionato, altrimenti grattugiarlo grossolanamente.

In una ciotola, lavorare della ricotta con del latte sino ad ottenerne una crema non troppo densa. Salarla leggermente e mettere da parte anche questa.

Imburrare bene una pirofila e cospargetela di pangrattato macinato sottilmente (in alternativa una spolverata di semola o farina integrale).

Cuocere la pasta molto al dente (almeno due minuti in meno del dovuto) in acqua leggermente salata. Scaldare il forno a 220°.

Riempire i conchiglioni uno ad uno dapprima con il pecorino (la metà inferiore), poi con le zucchine, colmando i vuoti in superficie con qualche altro cubetto di formaggio. Disporli ora nella teglia, appoggiando i primi ad un'estremità di essa e poi gli uni agli altri. Per evitare che si dispongano quello a destra, l'altro a sinistra, far sì che detto recipiente da forno sia leggermente inclinato sul piano di lavoro, iniziando a disporli partendo dal basso.

Una volta riempita la pirofila, versare la crema di ricotta sulla pasta, cospargere di ciuffetti di timo sforbiciato e infornare per dieci minuti, avendo cura di gratinare con l'apposita funzione di grill.

15 aprile 2015

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!