CacioRicette Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Pasto nudo
...e altri selezionati food-blog
Crema di zucca con Bitto storico, bottarga e noce moscata

Primo piatto

Tempo di preparazione: 30'

Ingredienti ricetta

per due persone

500 gr di zucca gialla molto soda
35 gr di Bitto storico
cipolla bianca o dorata
bottarga di muggine
olio extravergine d'oliva
noce moscata
sale fino
acqua

 
I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

Vantaggi per l'ambiente, per la società e per la salute - Consumare formaggi prodotti da latte di animali allevati al pascolo - oltre a sostenere delle piccole realtà produttive strategiche dal punto di vista ambientale,

leggi tutto

culturale e del presidio del territorio - aiuta a mantenersi in buona salute, godendo del piacere di prodotti superiori anche dal punto di vista organolettico. Perché rinunciarvi?

Il formaggio di questa ricetta

Formaggio utilizzato:
Bitto storico

Peso: 12-15 kg
Diametro: 40-50 cm
Scalzo: 10-12 cm
Selezionatore e rivenditore:
Latteria Sociale di Branzi - Branzi (BG)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.qualcosadirosso.com

Chi è stato in Valtellina non può non aver assaggiato i pizzoccheri: un tripudio godereccio di sapore e intensità nel quale la parte del leone la fa proprio il Bitto, formaggio da latte non scremato, insieme al burro. Ebbene, in questo caso ho cercato di perseguire quella stessa profondità di gusto ma con una ricetta leggera e alla portata di tutti, anche di chi non deve scalare una montagna ogni giorno.

Dunque dalla montagna son scesa al mare e ho fatto incontrare il Bitto con la bottarga, il tutto su un letto di crema di zucca. Ormai siamo in stagione: un piatto caldo, avvolgente ma leggero ben si sposa con le temperature frizzanti della sera. Il Bitto qui è manipolato poco o nulla: costituisce la parte solida, avvolgente e masticabile di una bella zuppa calda che aiuta a sprigionare tutti i profumi tipici di questo grande formaggio d'alpeggio.

Preparazione

Io ho utilizzato la zucca lunga, che ha una polpa molto soda e compatta: nel caso vogliate utilizzare una zucca più acquosa consiglio di farla prima asciugare in forno tagliata a grosse fette, con tanto di buccia, per 20/30 minuti a 160 gradi. Poi si può procedere a togliere la buccia, pesare la polpa ed eseguire la ricetta.

Tagliare finemente la cipolla e versarla in una casseruola dai bordi alti con due o tre cucchiai d'olio extravergine. Soffriggere a fuoco bassissimo per alcuni minuti quindi versare la zucca tagliata a dadi di dimensioni fra 1 e 2 cm.

Tostare per alcuni minuti mescolando e alzando leggermente la fiamma; coprire completamente d'acqua calda leggermente salata, chiudere con un coperchio e cuocere a fuoco medio finché i cubetti di zucca siano morbidissimi e si spappolino senza fatica.

Togliere dal fuoco, frullare accuratamente con un minipimer, aggiungere qualche cubetto di Bitto e mescolare bene. Aggiustare eventualmente di sale considerando però la successiva aggiunta di bottarga.

Completare i piatti con il restante Bitto tagliato a cubetti, abbondante bottarga grattugiata o a scaglie e poca noce moscata. Servire con fette di pane tostato, se gradito.

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

 

1° ottobre 2014

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!