CacioRicette
Rubrica in collaborazione con...
In collaborazione con cinque tra le più interessanti food-blogger italiane, una rubrica settimanale per sostenere i formaggi di animali al pascolo: più buoni al palato e per la salute

Sere in cucina
...e altri selezionati food-blog
Linguine con zucchine saltate e dadini di Stracchino all'antica

Primo piatto

Tempo di preparazione: 15'

Tempo di cottura: il tempo di cottura della pasta + 2'

Ingredienti ricetta

per due persone:
200 gr di linguine
3-4 zucchine medie
fiori di zucca
Stracchino all'antica
menta fresca
pepe in grani
1 spicchio d'aglio
olio extravergine d'oliva
vino bianco

I formaggi del pascolo

Sulla superiorità dei formaggi prodotti da latte di animali al pascolo

I benefici nutrizionali - In sintesi, i prodotti derivati da animali "al pascolo" (allevati secondo la pratica della zootecnia estensiva) offrono molti benefici a chi se ne nutra:
Vitamine A ed E - Importanti,

leggi tutto

oltre che per le specifiche azioni vitaminiche, anche per le proprietà antiossidanti

Cla - L'acido linoleico coniugato ha effetti fisiologici importantissimi: è anticancerogeno, antiossidante, antinfiammatorio, e influisce positivamente sul rapporto tra massa magra e massa grassa dell'individuo
Acido butirrico - È un grasso polinsaturo con la proprietà di agire da antidiabetico e di contrastare l'insorgenza dei tumori del colon
Omega 3 - Sono acidi grassi polinsaturi essenziali, così detti perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli. Hanno effetto antitrombotico, sono importanti nel controllo della pressione arteriosa e del livello plasmatico dei lipidi e, infine, garantiscono una buona elasticità alle pareti arteriose, una protezione del cuore e del sistema circolatorio in generale
Antiossidanti - Sono sostanze in fondamentali per contrastare la formazione di radicali liberi e le reazioni di ossidazione.

Copyright Comunica di Stefano Mariotti® http://www.qualeformaggio.it/
Divieto di riproduzione totale o parziale senza consenso scritto

Il formaggio di questa ricetta

Stracchino all'antica delle Valli Orobiche
Peso: 800 gr
Lato: 20 cm
Scalzo: 4,5 cm
Stagionatura: 3 mesi
Distributore: Latteria Sociale di Branzi - Branzi (BG)

Archivio ricette


 

 una ricetta di www.ilpastonudo.it

Con un'atmosfera bollente come quella di questi giorni le zucchine sono perfette. Sono piene di sali minerali, a condizione però di non  stracuocerle. Ho preferito aggiungere questo stracchino dal sapore leggermente piccante alla fine della cottura, per mantenere la  consistenza e per preservare la sua origine "cruda".

Preparazione
Mettete a scaldare in padella a fuoco bassissimo lo spicchio d'aglio schiacciato e scamiciato.
Intanto lavate, asciugate e affettate le zucchine, che dovranno essere freschissime e croccanti (tastate la parte finale - mia madre diceva "il culetto": se è morbida conviene gettarle, sono vecchie e con tutta probabilità saranno amarissime).

Lavate e asciugate anche i fiori di zucca, togliete le spinette che li contornano e tagliate via i gambi e tritateli grossolanamente.

Quando l'aglio avrà un aspetto quasi dorato e tirerà fuori un profumo molto gradevole mettete in padella le zucchine e fatele saltare a fuoco piuttosto allegro per qualche minuto; quando il tutto sfrigola con decisione spruzzate il fondo della padella con un po' di vino bianco e fatelo evaporare; verso la fine della cottura aggiungete anche i fiori tritati, che sono molto delicati e cuoceranno velocemente.

Scolate le linguine al dente lasciando un minimo di acqua di cottura, versatele nella padella con il condimento e saltatele per qualche secondo. Cospargete con tre quarti dello stracchino all'antica tagliato a dadini e mescolate.
Impiattate, cospargete con i dadini di stracchino rimanenti, una generosa spolverata di pepe appena macinato e qualche foglia di menta fresca tritata, magari appena colta.

Servite immediatamente! :-)

Vuoi leggere l'introduzione a questa ricetta sul sito dell'autrice? Allora clicca qui!

5 luglio 2012

Scopri tutto sulla superiorità dei formaggi da animali al pascolo: clicca qui!