Mozzarella blu punto e a capo: ecco svelato ogni segreto del latticino meno pericoloso del mondo

 

 17 febbraio 2014 - La settimana scorsa alcune agenzie di stampa hanno riportato la notizia che il sostituto procuratore di Torino, Raffaele Guariniello, aveva firmato quattro avvisi di garanzia nei confronti della Lat-Bri e della Granarolo. L'ipotesi di reato sarebbe quella di aver distribuito ‘in catene di consumazione sostanze alimentari non genuine’, in particolare contaminate, secondo l'accusa, dal batterio "pseudomonas fluorescens" responsabile della colorazione azzurrina che assumeva il prodotto all'apertura della confezione. Pare che l’accusa riguardi, nello specifico, l’uso di acqua contaminata dallo Pseudomonas.

 

Vediamo prima di capire di cosa stiamo parlando. Lo Pseudomonas è un batterio aerobico (ha bisogno di ossigeno e per questo si sviluppa in superficie) ed è presente naturalmente nell’ambiente e nell’acqua (è un batterio non patogeno e per questo non rientra nella normativa della potabilità).

 

Quindi, se l’acqua è considerata potabile anche se contiene lo Pseudomonas, perché mai i formaggi prodotti con quell’acqua dovrebbero essere vietati e chi utilizza quell’acqua viene citato in giudizio?

Colonie di Pseudomonas fluorescens in agar agar visualizzate sotto luce bianca - foto Ninjatacoshell® (Creative Commons License)

Continuiamo. Se  questo batterio è stato sempre presente nell’ambiente perché solo da qualche anno se ne sente parlare? Che cosa è cambiato in questi ultimi anni?

 

La prima cosa che è cambiata è l’utilità del batterio. Visto che non è vietato e visto che ha delle proprietà molto interessanti, viene utilizzato - ad esempio - nei cannoni della neve per abbassare il punto di congelamento, nell’asfalto, per aumentarne la solidità, nelle lettiere per un maggiore disseccamento, nei suoli per attivarne la vitalità. Quindi, oggi nell’aria e nell’acqua ce n’è molto di più perché l’uomo lo utilizza a piene mani? Allora, se è vietato nelle paste filate perché, questo batterio potenzialmente pericoloso (ma non lo è) è autorizzato per inquinare l’ambiente, l’acqua ed il suolo?

 

L’altro fattore nuovo, intervenuto nell’ultimo decennio è il cambiamento della tecnica della pasta filata. Facciamo un passo indietro. Questo batterio è attivo da pH 4 a pH 8. Ha però il massimo dell’attività fra 5 e 8. Nel passato la gran parte delle mozzarelle veniva filata a pH 5, quindi, il formaggio era protetto dall’acidità. Purtroppo in questi ultimi anni la quasi totalità dei produttori ha adottato la scorciatoia dell’acido citrico, tecnica questa che agevola di molto i tempi e le procedure ma che, oltre ad ridurre al minimo la biodiversità microbica, fa filare la pasta a pH 5.6, un livello di acidità ideale per lo Pseudomonas. Se a questo aggiungiamo che questo batterio è psicrotrofo, cioè privilegia le basse temperature, si capisce facilmente perché abbiamo fatto la conoscenza con la mozzarella blu. Anzi, personalmente penso che siano anche poche e che in futuro potranno solo aumentare. Potrebbero risolvere il problema ritornando al siero innesto, ma non lo faranno.

 

Un’ultima osservazione. Il fenomeno della colorazione è solo italiano? L’ultimo numero della rivista francese La Chèvre (n.320, gennaio-febbraio2014) riporta addirittura che: “Lo Pseudomonas è divenuto la piaga dei caseifici". Navigando su internet si può vedere facilmente come da almeno dieci anni in Francia questo problema sia studiato e "attenzionato" da parte di produttori e ricercatori. I consigli si sprecano su come prevenire questo difetto, ed è considerato un difetto, non un delitto. I produttori cercano di limitare i danni perché uno degli effetti negativi (ce ne sono anche di positivi come lo sviluppo di alcune note aromatiche) è la presenza dell’amaro. Il prodotto non viene ritirato dal mercato ma al massimo viene deprezzato, e il consumatore non lo compra.

 

Per finire, una provocazione: se il produttore scrivesse sulla confezione: mozzarella blu, è passibile di denuncia? Quanti formaggi diventano blu (per effetto del Penicillium) quando sostano troppo nelle celle frigorifere o nelle cantine? Va a capire perché in questo Paese ci si aspetta che i problemi li risolva sempre la magistratura! E questa volta, diversamente da quando avviene in politica e nella società, la magistratura non doveva proprio entrarci.

 

 

 

 

 

di Roberto Rubino

presidente ANFoSC

(Associazione Nazionale Formaggi Sotto il Cielo)


Attenti alle serpi! (nota dell'editore) - I contributi del Dottor Roberto Rubino sono ospitati qui a titolo esclusivamente personale. Nessun rapporto diretto esiste tra il nostro sito web e l'ANFoSC di cui il Dottor Rubino è presidente e fondatore. Chiunque affermi il contrario è in malafede e passibile di azione legale.
Qualeformaggio.it è una testata giornalistica libera e indipendente di proprietà di Comunica di Stefano Mariotti

 

Commenti (3)Add Comment
...
scritto da izn, febbraio 18, 2014
Molto interessante grazie adesso è più chiaro. Non ho capito cosa intende per firmare la richiesta, il nome è izn, ho inserito anche il blog, ma vedo che non appare. Comunque sulla rete sono conosciuta molto più come izn che con il mio nome reale, che dice molto poco.
...
scritto da Roberto Rubino, febbraio 18, 2014
In linea di massima sì. Comunque in natura non esiste un limite preciso, al di là del quale il fenomeno assume connotazioni diverse. in una ricerca effettuata con l'Istituto Zooprofilattico di Palermo abbiamo notato che anche la mozzarella prodotta con siero innesto si colorava di blu se veniva infettata con dosi massicce di Pseudomonas. Ecco perchè normalmente si ragiona in termini di probabilità. In questo caso le probabilità che una mozzarella possa subire un attacco da Pseudomonas sono minime se è prodotta con siero innesto; sono invece molto alte(soprattutto in determinate condizioni, non tutte ancora note) se è prodotta con acido citrico.
P.s. sarebbe preferibile firmare la richiesta quando si vuole l'intervento dell'autore dell'articolo.
...
scritto da izn, febbraio 17, 2014
Molto interessante l'articolo, ma non mi è chiaro un punto. Il batterio è attivo da 4 a 8, massima attività da 5 a 8. La mozzarella a ph 5 non viene attaccata dal batterio. Quindi il batterio è attivo *sopra* il 5?

Scrivi un commento
diminuisci le dimensioni del form | aumenta le dimensioni del form

security code
Trascrivi i caratteri che vedi qui sopra


busy
 

Archivio generale Caseus